13.05.03

Il nuovo recupero crediti targato Europa

La Commissione europea sta per emanare una direttiva specifica che mira a
snellire (e ad armonizzare nei Paesi membri, ovviamente) il procedimento
diretto ad intimare al debitore il pagamento di una somma di denaro (da
noi, come si sa, questo fine può raggiungerlo un decreto ingiuntivo).
La direttiva, in particolare, intende istituire una procedura rapida e
poco costosa per le controversie di entità modesta, volte appunto al
recupero di crediti pecuniari, da applicare in tutta l’Unione, perché, come
è noto, gli oneri (non soltanto di carattere economico) dell’attuale
procedimento monitorio risultano talvolta sproporzionati rispetto alla
consistenza del credito vantato e quindi, di fatto, si può essere indotti a
rinunciare ad adire il Giudice .
La nuova procedura sarà applicabile sia alle controversie interne che a
quelle transfrontaliere (riguardanti soggetti residenti in due Paesi
membri diversi) e la scelta della direttiva si spiega con l’opportunità,
ravvisata dalla Commissione, di lasciare un qualche margine di manovra e/o
discrezionalità al singolo Stato.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!