12/04/2003

La legalizzazione di extracomunitari licenziati

Una circolare del Ministro dell’Interno ha finalmente risolto il problema
dell’assunzione del lavoratore extracomunitario per il quale sia stata
precedentemente presentata – da altro datore di lavoro – domanda di
regolarizzazione, ma che, nelle more della sanatoria “Bossi-Fini”, abbia
perduto per una ragione qualsivoglia il lavoro.
Ebbene, il nuovo datore di lavoro, secondo le istruzioni impartite ora dal
Ministro, deve darne comunicazione in forma scritta alla “sua” Prefettura,
indicando gli estremi dell’istanza presentata dal precedente datore di
lavoro; tale comunicazione aprirà una sorta di corsia privilegiata per un
accertamento accelerato dei requisiti richiesti per la regolarizzazione e
dunque per la stipula eventuale del nuovo contratto di soggiorno (“per
lavoro”, ovviamente) tra l’extracomunitario e il nuovo datore di lavoro

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!