31.03.03

I documenti degli anni “condonati” – QUESITO

So presentando l’adesione al condono “tombale” per il quinquennio
1997/2001. Posso cestinare le fatture, gli altri documenti di spesa e
quant’altro, nonché i registri contabili, relativi a quelle annualità?

Qui il nostro ordinamento non è univoco, perché la risposta è diversa
secondo che a fornirla sia la normativa fiscale ovvero quella civilistica
e/o fallimentare.
Infatti, l’adesione al “tombale” permette di archiviare definitivamente (e
perciò anche di cestinare la documentazione che vi si riferisce) le
cinque annualità in oggetto ai soli fini fiscali, essendo infatti preclusa
ogni possibilità di accertamento da parte dell’Amministrazione finanziaria
e anche la richiesta di qualsivoglia documento contabile.
Resta però l’obbligo di conservazione dei documenti e dei registri dal
punto di vista civilistico, che cessa soltanto al compimento del decimo
anno.
E pertanto, anche per possibili questioni inerenti ai rapporti di dare e
avere con clienti e fornitori, come pure per vicende di natura fallimentare
che possano interessare chi è entrato in contatto con la farmacia, è
necessario osservare il termine e continuare quindi a conservare la
contabilità per i fatidici 10 anni.
Per quel che riguarda, infine, i rapporti di lavoro con il personale
dipendente, soprattutto con riguardo ai profili contributivi e
assicurativi, è preferibile custodire l’intera documentazione addirittura
per….tutta la vita, e oltre.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!