18/03/2003

Il Fisco visita ora per … appuntamento.

I controlli fiscali che l’Agenzia delle Entrate e/o la Guardia di Finanza
effettuano alle imprese non saranno infatti più a “sorpresa” , ma
seguiranno ad un avviso preventivamente inviato all’imprenditore presso il
luogo di esercizio dell’attività.
La prassi del “preavviso” era, per la verità, già adottata per le imprese
di grandi dimensioni, ma ora l’Amministrazione finanziaria la vuole
estendere a tutti i soggetti titolari di partita Iva.
La comunicazione conterrà pertanto la data in cui i verificatori si
presenteranno per effettuare il controllo e la verifica – ma era già così
da qualche tempo – dovrà durare il meno possibile, perché i verificatori
non potranno soffermarsi presso l’azienda oltre 30 giorni, prolungabili ad
un massimo di 60 in presenza di casi eccezionali.
Una novità certamente da salutare con favore.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!