31.01.03

Investimenti ante 8/7/02: il bonus è automatico.

Questo, in sintesi, il parere dell’Agenzia delle Entrate espresso nella
risoluzione n. 16/E del 28/1/03, che ritiene in tal caso ancora
applicabile il regime automatico previsto dalla (vecchia) legge n.
388/2000, prescindendo dunque dalle modifiche introdotte , per gli
investimenti in aree c.d. svantaggiate , dal d.l. n. 138/02 (il famoso
decreto legge “omnibus”) e dalla legge di conversione n. 178/02.
Pertanto, resta fermo che gli investimenti “avviati” entro il 7/7/2002
(con il contratto “concluso”, quindi, entro tale data, anche se poi
“eseguito” successivamente) potranno continuare a godere dell’agevolazione
secondo il sistema previgente, e perciò in regime automatico e senza
formalità diverse o ulteriori rispetto a quelle allora previste.
Naturalmente, come è corretto che sia, è necessario che tra la fase d’avvio
dell’investimento e quella, successiva, della sua attuazione e
realizzazione vi sia quell’imprescindibile collegamento che mantiene saldo
il bonus anche in presenza di uno sviluppo dell’investimento diluito nel
tempo.
E’ un chiarimento davvero importante, perché elimina le numerose
perplessità insorte, anche recentemente, con riguardo all’inquadramento
dell’investimento nel vecchio o nel nuovo regime normativo.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!