25.01.2003

Ecco il nuovo Testo Unico per l’edilizia.

Si tratta del decreto legislativo n. 301 del 27.12.2002 (pubblicato sulla
G.U. del 21.01.03, n. 16), che interviene incisivamente nel sistema di
sanzioni penali e amministrative in materia edilizia; non è certo questa
la sede migliore per la loro disamina, ma è bene ricordare anche qui che
le sanzioni edilizie, sia penali che amministrative, si applicheranno ora
anche alle opere eseguite in mancanza o in assoluta difformità della
denuncia di inizio attività (DIA).
Merita anche far cenno alla definizione di ristrutturazione edilizia che
il provvedimento amplia fino a ricomprendervi il caso di demolizione e
ricostruzione di un fabbricato (o di un’intera unità immobiliare o anche di
una semplice veranda) del tutto identico a quello demolito: in una vicenda
del genere, dunque, non è più necessaria la concessione.
Il nuovo Testo Unico edilizio, infine, entra in vigore il prossimo 5
febbraio.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!