20/11/2002

Il semplice avviso di liquidazione non costituisce “lite pendente”.

Un’importante sentenza di Cassazione (Sez. Trib. 25/10/02 n. 15035), pur
riferita al precedente condono fiscale, può essere di grande utilità anche
nel quadro della definizione agevolata delle “liti pendenti “ prevista
dal testo della Finanziaria 2003 ora all’esame del Senato.
Il principio, infatti, che vi è enunciato è quello sostanzialmente
riassunto nel titolo della news: un avviso di liquidazione emesso dal Fisco
in base alla volontà manifestata dal contribuente (come spesso accade) di
avvalersi del sistema automatico di determinazione dell’imponibile (allora
contemplato nella legge n. 154/88) non può, di per sé, configurare una
“lite pendente” suscettibile a propria volta, come tale, di definizione
agevolata.
In sostanza, dice la Cassazione, la legge accorda bensì la possibilità di
estinguere le “liti pendenti” derivanti da atti impositivi, ma è necessario
che la controversia con l’Amministrazione finanziaria sia effettiva, che
riguardi cioè l’accertamento (dell’esistenza e dell’entità) dei presupposti
impositivi, non essendo pertanto a tal fine sufficiente che si tratti
semplicemente di liquidare l’imposta sulla base di criteri già
predeterminati dalla legge e/o attraverso semplici operazioni contabili.
Il caso concreto deciso dalla sentenza della Suprema Corte riguardava la
liquidazione dell’imposta di registro e dell’Invim effettuata
dall’Amministrazione in adesione e in conformità della scelta del
contribuente di giovarsi della determinazione automatica del valore
sulla base della mera rendita catastale, perché, in tale evenienza,
quest’ultima (adottata dall’UTE) determina “ex se” il valore finale
imponibile con la ben nota moltiplicazione del suo ammontare per il
coefficiente stabilito secondo la natura dell’immobile; e dunque, questa è
la conclusione, l’avviso di liquidazione, corrispondendo perfettamente alle
richieste del contribuente, non può configurare un “avviso di
accertamento”, e quindi una “lite” qui non sorge neppure.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!