Sediva News del 17 ottobre 2002

La correzione della dichiarazione già presentata: limiti.
Le dichiarazioni dei redditi, precisa l’Agenzia delle Entrate con ris. n.
325/E del 14/10/02, possono essere corrette e/o integrate – peraltro non
oltre la scadenza del termine di presentazione della dichiarazione relativa
al periodo d’imposta successivo – soltanto per errori e/o omissioni che
abbiano determinato un maggior reddito, ovvero un minor credito d’imposta,
ovvero un maggior debito. Pertanto, il semplice e mero “ripensamento”, non
essendo qualificato come errore rilevante ed essenziale da parte
dell’Agenzia, può tradursi solo nella presentazione, entro novanta giorni,
di una dichiarazione “rettificativa”, che in tal caso sostituisce dunque la
dichiarazione originariamente presentata.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!