10.10.2002

La sanatoria edilizia non cambia la destinazione urbanistica dell’area.

Il rilascio della concessione in sanatoria in ordine ad un fabbricato
abusivo non può di per sé ritenersi sufficiente a mutare anche la
destinazione dell’area dove l’edificio è stato costruito, cosicché, se il
terreno era, poniamo, ad uso agricolo, il proprietario dell’immobile
condonato non può ”tout court” destinare quest’ultimo diversamente, se le
previsioni degli strumenti territoriali ed urbanistici e quelli dei
regolamenti edilizi non lo consentono.
Insomma, un terreno agricolo resta tale anche se l’immobile edificatovi
abusivamente viene sanato, e dunque quell’edificio potrà essere
utilizzato soltanto a fini agricoli.
Così, in sintesi, una sentenza del 1.10.2002 della V Sez. del Consiglio di
Stato.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!