16/09/2002
Concordato fiscale o condono “tombale”?

Sembra, almeno al momento, che alla luce della prossima Finanziaria gli
anni 1997/2000 potranno essere definiti attraverso un concordato
conseguente alla proposta dell’Agenzia delle Entrate formulata sulla base
dei redditi desumibili dagli studi di settore ovvero, in caso di lite
pendente, con l’applicazione di uno sconto (ancora da determinare)
sull’ammontare accertato.
Si parla altresì della possibilità di definire preventivamente, per il
triennio 2001/2003, i redditi imponibili, anche se dovrebbe trattarsi di
un’ipotesi circoscritta ai contribuenti con un ridotto volume d’affari, e
che comunque non impedirà all’Amministrazione finanziaria di poter
successivamente procedere a rettifiche e/o accertamenti.
Questa è però la proposta del Governo, ma non è certo da escludere che
nella Finanziaria finisca invece per “entrare”, sempre per gli anni
pregressi, un vero e proprio condono.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!