CONSULENZA FISCALE

L’insegna farmacia e l’imposta di pubblicità – QUESITO

Q.2) Vorrei sapere se l’insegna di una farmacia è soggetta o meno
all’imposta di pubblicità alla luce delle ultime disposizioni . Inoltre,
la mia farmacia ha anche la croce “a bandiera” separata dall’insegna.

R2) La Finanziaria 2002 ha ridisciplinato la materia, prevedendo l’esonero
dall’imposta di pubblicità qualora la superficie totale di tutte le
insegne apposte sia complessivamente inferiore a cinque metri quadrati .
Una circolare ministeriale ha altresì precisato che rientrano nella
nozione di “insegna” tutti i segni che abbiano la funzione di
contraddistinguere l’esercizio commerciale, purchè ubicati nell’immediato
“esterno” (della farmacia), e cioè sulla facciata del fabbricato di cui il
locale fa parte; e la famosa “croce” vi rientra quindi perfettamente.
E qualora la superficie totale così calcolata superi i cinque metri
quadrati, si dovrebbe beneficiare comunque della franchigia e l’imposta
dovrebbe dunque essere corrisposta soltanto per la superficie eccedente:
in questo senso è la ricordata circolare, ma i Comuni stentano non poco ad
adeguarvisi, pretendendo in molti casi il pagamento dell’intero.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!